Una lunga staffetta anche a teatro


Dal podcast al palcoscenico

Grazie alla collaborazione con la Compagnia Teatrale MaMiMò a settembre andrà in scena lo spettacolo teatrale ispirato al podcast Una lunga staffetta.

Nel 1991 Reggio Emilia viene indicata da Newsweek, uno dei più importanti magazine americani, la città più innovativa del mondo in merito alle scuole per l’infanzia. Il territorio di Reggio Emilia diventa il modello educativo a cui guardare.
Ma come è stato possibile, per una piccola provincia italiana, arrivare ad ottenere un riconoscimento così prestigioso, che ha poi portato questo approccio educativo a essere studiato in tutto il mondo? Come spesso accade, basta poco: un sasso lanciato in uno stagno, e il coraggio di vederlo toccare il fondo. Quel sasso sono le voci di tante donne reggiane che hanno saputo immaginare un mondo diverso sporcandosi le mani per costruire scuole in tutta la provincia.

Per agire è necessario vedere le possibilità, ma come ci si allena per farlo? Siamo ancora in grado di immaginare? Per parlare di diritti, di libertà, di emancipazione femminile e di educazione, abbiamo deciso di giocare a essere bambini. In uno spettacolo di narrazione, la storia con la “s” maiuscola, si inserisce in una giornata tipo all’interno di una scuola dell’infanzia. Due bambini e una bambina, con un baule pieno di materiali di recupero, costruiranno e trasformeranno lo spazio e la loro identità.

In anteprima il calendario delle repliche:

Domenica 8 settembre > Novellara, Teatro Comunale Franco Tagliavini

Mercoledì 11 settembre > Guastalla, Piazza Mazzini, rappresentazione all’aperto

Venerdì 20 settembre > Brescello, Scuola Comunale dell’infanzia, rappresentazione all’aperto

Sabato 21 settembre > Reggio Emilia, Ex mangimificio Caffarri, Via Gioia


IT